Tecnocasa, il mercato dei mutui sotto la lente

I clienti di Kìron preferiscono il variabile puro, seguito dal variabile con cap; mentre il fisso si aggiudica la preferenza di un mutuatario su 5. È quanto emerge da un’indagine dell’ufficio studi di Tecnocasa, che ha preso in esame un campione di circa 6.200 mutui erogati dal franchising in Italia nel secondo semestre del 2010.

Ne emerge che il 48% dei mutuatari ha optato per un profilo di rischio più alto: il variabile puro, che ha consentito di ottenere una rata mensile più bassa pur comportando il rischio di un rialzo dei tassi di riferimento. Il 32% delle preferenze sono andate poi al variabile con cap, mentre solo il 18% dei mutuatari si è accollato il maggior costo di un’operazione a tasso fisso a fronte della certezza e stabilità della rata per tutta la durata del finanziamento. “Da notare che nell’intero anno 2009 la preferenza sulla stessa tipologia di prodotto si attestava al 29% – precisa l’analisi -. La differenza risulta anche di maggior rilievo se confrontata con il valore del 2008 che era pari a 72%”. Solo il 2% dei mutuatari ha scelto una soluzione di tipo misto (era l’8% nel 2009).
La preferenza per il  variabile è stata maggiore nel Nord Est (65%) e nel Nord Ovest (84%).

Il mutuo, a livello nazionale, ha una durata media di 25,5 anni. Incrociando la durata con la tipologia prodotto, risulta che chi sottoscrive un mutuo ipotecario a tasso fisso si impegna per un periodo inferiore, ovvero circa 24 anni. La tipologia di prodotto abbinato a una durata media più lunga è quella a tasso misto che ha fatto registrare 28 anni. Mentre il variabile ha una durata media in linea con la media complessiva, 25,5 anni e il variabile con cap lievemente superiore, 26,5 anni.
Dal punto di vista geografico, nell’Italia Meridionale e Insulare la durata media è inferiore rispetto alla media e pari a 24 anni. Nel Nord Es e Nord Ovest risulta più lunga, rispettivamente pari a 26,5 e 26 anni. Segue il Centro con 25,5 anni.

Tecnocasa, il mercato dei mutui sotto la lente ultima modifica: 2011-03-25T08:00:00+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: