Tecnocasa: record stock mutui circolanti nel III trimestre 2020

Tecnocasa Logo 2Nel terzo trimestre del 2020 è stato registrato lo stock di mutui in essere più alto di sempre, per una cifra di 335.299 milioni di euro. È quanto emerge dall’analisi diffusa oggi dall’ufficio studi del gruppo Tecnocasa, che ha analizzato i dati di Banca d’Italia relativi allo stock di mutui in essere concessi alle famiglie italiane per l’acquisto dell’abitazione.

È dal terzo trimestre del 2015 che lo stock dei mutui circolanti cresce con costanza. Ed anche in questo terzo trimestre 2020 si registra un nuovo massimo storico, superando quindi anche il precedente – si legge nel report –. Il ritmo con il quale crescono le consistenze è tuttavia in contrazione, segno che lo scenario che ci aveva contraddistinto negli ultimi anni ha subito una variazione anche in virtù dell’emergenza sanitaria che stiamo affrontando: +1,6% su base annua (+0,58% su base trimestrale). Alla luce dei favorevoli tassi di mercato coi quali sono stati collocati i finanziamenti durante l’ultimo triennio, la composizione dello stock è in buona parte composta da finanziamenti a tasso fisso, il che presuppone un minor rischio sia in capo alle famiglie sia in capo agli istituti eroganti”.

Cosa dobbiamo aspettarci per la chiusura del 2020 e per il 2021? Secondo l’ufficio studi di Tecnocasa, si delinea un panorama poco favorevole al proseguimento del trend di crescita del credito alla famiglia per l’acquisto dell’abitazione. “Gli ultimi dati riguardanti le erogazioni restano tuttavia meno negativi di quel che ci si potesse aspettare, pertanto permangono buone probabilità che anche nel quarto trimestre assisteremo ad un’ulteriore crescita dello stock circolante, tendenza che potrà poi proseguire fino all’inizio del 2021”, conclude la relazione.

Di seguito la distribuzione per regione delle consistenze registrate nel terzo trimestre 2020.

DISTRIBUZIONE TERRITORIALE PER REGIONE
MUTUI IN ESSERE (mln €) – III TRIM. 2020

REGIONE

CONSISTENZE

PESO % SUL TOTALE

LOMBARDIA

 82.901.343

24,7%

LAZIO

 44.424.202

13,2%

VENETO

 29.897.166

8,9%

EMILIA-ROMAGNA

 29.444.048

8,8%

TOSCANA

 24.939.988

7,4%

PIEMONTE

 24.788.027

7,4%

CAMPANIA

 18.359.890

5,5%

PUGLIA

 15.202.785

4,5%

SICILIA

 14.811.568

4,4%

LIGURIA

 10.184.221

3,0%

FRIULI-VENEZIA GIULIA

 7.369.437

2,2%

MARCHE

 6.657.861

2,0%

SARDEGNA

 6.289.948

1,9%

TRENTINO-ALTO ADIGE

 6.056.307

1,8%

ABRUZZO

 4.458.632

1,3%

UMBRIA

 3.619.430

1,1%

CALABRIA

 3.439.040

1,0%

BASILICATA

 1.137.212

0,3%

MOLISE

 729.162

0,2%

VALLE D’AOSTA

 588.253

0,2%

Elaborazione Ufficio Studi Tecnocasa su dati Banca d’Italia