Terni, collaboratrice di una società di mediazione creditizia accusata di truffa

Gdf, Guardia di Finanza Usura Frode Fiscale Abusivismo finanziarioÈ finita a giudizio di fronte al tribunale con l’accusa di truffa nei confronti di 4 persone una 62enne di Terni, collaboratrice di una società di mediazione creditizia. A dare la notizia è il giornale online Umbria On.

Le indagini condotte dal Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza di Terni hanno riguardato anche l’amministratore unico della società su cui, al pari della donna, pende l’accusa di aver violato il Testo unico bancario: entrambi avrebbero svolto l’attività di mediazione senza essere iscritti negli elenchi dell’Oam. La 62enne è accusata anche di aver apposto un timbro falso dell’Agenzia delle Entrate in calce a due contratti di locazione stipulati da altrettanti clienti della società finanziaria.

Secondo l’accusa la 62enne si sarebbe adoperata per far ottenere ai “clienti” dei finanziamenti da parte di alcuni istituti di credito, salvo poi gestire in prima persona i loro conti correnti (con conseguenti benefici) attraverso l’utilizzo degli strumenti di pagamento ottenuti dai clienti stessi.

L’ultima udienza del procedimento si è tenuta venerdì e la prossima è stata fissata per il prossimo 19 giugno.

Terni, collaboratrice di una società di mediazione creditizia accusata di truffa ultima modifica: 2018-02-17T18:18:21+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: