Terremoto: la regione Emilia Romagna conferma la sospensione delle rate del mutuo per le persone colpite

“Non ci sono dubbi sull’applicazione della sospensione del pagamento dei mutui senza ulteriori oneri, sia per le imprese che per i cittadini colpiti dal sisma. Abbiamo fatto le verifiche sia presso i maggiori istituti bancari operanti sul territorio che direttamente presso l’Abi”. Queste le parole scelte da Gian Carlo Muzzarelli, assessore regionale alle Attività produttive, per allontanare i dubbi emersi nei giorni scorsi sull’effettiva interruzione delle rate dei finanziamenti immobiliari.

Diversi provvedimenti normativi, ha spiegato la Regione Emilia Romagna, stabiliscono la sospensione dei termini dei versamenti e degli adempimenti tributari, inclusi quelli derivanti da cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione, scadenti nel periodo compreso tra il 20 maggio 2012 ed il 30 settembre 2012. Termine che sta per essere prorogato sino al 30 novembre 2012 in fase di conversione del decreto. La Regione ha, dunque, avuto conferma dall’Abi che la quota capitale viene portata in coda al mutuo mentre gli interessi sul debito residuo, calcolati al tasso previsto dal contratto e senza ulteriori oneri, vengono spalmati sul periodo residuo del mutuo stesso. “Ribadiamo il massimo impegno – ha concluso Muzzarelli – per sostenere l’accesso al credito di imprese e cittadini, che rappresenta uno tra gli elementi fondamentali per la ricostruzione”.

Terremoto: la regione Emilia Romagna conferma la sospensione delle rate del mutuo per le persone colpite ultima modifica: 2012-07-19T12:25:39+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: