Tesco, sorprese estive nel mercato dei mutui

Tesco, il più grande gruppo di distribuzione alimentare britannico, attivo a livello internazionale, nel 2010 ha riportato profitti pari a 3,8 miliardi di sterline – al lordo di imposte – e ora si dice pronto a entrare anche nel mercato dei mutui entro la prossima estate.

Il Gruppo rappresenta uno dei migliori esempi del trasformismo commerciale: infatti, dopo avere sperimentato il Monte di pietà nei supermercati, si è prima trasformato in operatore di telefonia mobile, poi in agenzia immobiliare, e infine ha dato vita alla Tesco Bank.

Forte di una notevole crescita nel proprio ramo finanziario – che come si evince dal bilancio d’esercizio ha comportato un “eccesso” di deposito – Tesco ha deciso di lanciare una nuova proposta mutui. Dalla sede centrale di Edimburgo di Tesco Bank fanno sapere: “Siamo pronti a entrare nel mercato dei mutui”.

Le attività finanziarie di Tesco hanno prodotto entrate pari a 919 milioni di sterline e un utile netto di 264 milioni.

L’intenzione del Gruppo di sbarcare nel mercato dei mutui era già stata preannunciata un anno fa, nell’aprile del 2010.