Trentino, Tecnocasa: lieve aumento per mercato immobiliare turistico

È quanto emerge dall’analisi del centro studi di Tecnocasa, che evidenzia come le preferenze dei potenziali acquirenti siano andate ancora una volta a bilocali o trilocali situati nelle zone centrali oppure vicini agli impianti.

Madonna di Campiglio
Il mercato della seconda casa ha tenuto nella prima parte del 2010 ed è stato movimentato prevalentemente da imprenditori e professionisti alla ricerca di soluzioni di prestigio da utilizzare personalmente o da mettere a reddito. Gli acquirenti provengono generalmente dal nord Italia e in particolare da Brescia e provincia, Milano e Lombardia.
La zona centrale, a ridosso degli impianti di risalita, è quella più richiesta, con top price che possono raggiungere anche i 15.000 euro al mq per le tipologie nuove e ristrutturate di tipo signorile. La richiesta si concentra su tagli ampi a partire da 90-100 mq.
Più rallentato il mercato delle abitazioni distanti dagli  impianti di risalita e sulle quali si possono ottenere ribassi dei prezzi più importanti. L’analisi precisa che “Madonna di Campiglio si è sviluppata tra gli anni ’70 ed ’80; attualmente non esistono terreni edificabili, inoltre una legge provinciale del 2005 impedisce la realizzazione di nuovi immobili ad uso turistico. Gli unici interventi in corso sono quelli effettuati su volumetrie già esistenti, come ad esempio vecchie ville che vengono ristrutturate oppure demolite per la realizzazione di nuovi appartamenti”. Proseguono invece i lavori per la creazione del collegamento delle piste tra Madonna di Campiglio e Pinzolo. “L’opera dovrebbe essere completata entro la fine del 2011, con la conseguente rivalutazione delle abitazioni situate a ridosso della stazione intermedia nella zona sud del paese”.

Pinzolo
A Pinzolo la richiesta proviene da persone con reddito medio, provenienti per lo più dalla Lombardia e in particolare dalle province di Brescia, Mantova Cremona e Milano. Il taglio più richiesto è il trilocale, possibilmente dotato di doppi servizi. Per soluzioni ristrutturate la spesa è compresa tra 320.000 e 380.000 euro.

Andalo, Molveno, Cavedago e Fai della Paganella
Nelle zone turistiche di Andalo, Molveno, Cavedago e Fai della Paganella le quotazioni degli immobili sono stabili. A partire da luglio si è assistito a una ripresa della domanda abitativa e del numero di compravendite, con investimenti medi intorno a 180-230.000 euro per la zona Cavedago-Fai e tra 280-350.000 per la zona Andalo-Molveno. Il taglio più richiesto è il trilocale. Chi cerca a Molveno apprezza la vista lago e la comodità al centro, mentre ad Andalo si cerca principalmente la vicinanza agli impianti e ai servizi. A Cavedago, dopo l’introduzione di un bus-navetta che porta i turisti direttamente ad Andalo, Molveno e Fai della Paganella, si apprezzano le abitazioni vicino alle fermate di questo tipo di  trasporto molto utilizzato.
Ad interessarsi all’acquisto degli immobili in questa zona sono soprattutto famiglie di Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Marche e, negli ultimi tempi, anche clienti provenienti dall’Est Europa.
I valori degli immobili della zona hanno complessivamente tenuto soprattutto perché il territorio dell’Altopiano della Paganella non offre grandi possibilità di espansione immobiliare; sono rari quindi gli interventi di nuova costruzione, si punta in particolare sul recupero del patrimonio edilizio esistente per tutelare al meglio il territorio” precisa lo studio.

Folgaria
Nei primi sei mesi del 2010 le quotazioni delle abitazioni di Folgaria sono rimaste stabili. Si è registrato un rinnovato interesse per l’acquisto degli immobili e un aumento delle compravendite.  La tipologia più richiesta è il trilocale da 60-70 mq possibilmente situato in zone servite, non troppo distante dagli impianti e con buona esposizione. I potenziali acquirenti sono famiglie provenienti in special modo dal Veneto, dall’Emilia Romagna, dalla Bassa Lombardia e in generale dall’asse del Brennero. Chi cerca l’abitazione in queste zone ha un budget medio che oscilla tra 150.000 e 250.000 euro.
Per il 2011 si prevede la realizzazione dell’impianto che dal centro di Folgaria porterà direttamente sulle piste, mentre al momento sono in corso i lavori per l’ampliamento del carosello sciistico con il collegamento con un’area sciabile in provincia di Vicenza” aggiunge il centro studi.

Moena e Canazei
Nel primo semestre del 2010 le quotazioni delle abitazioni di Moena e Canazei sono rimaste stabili. Da gennaio si riscontra una domanda molto vivace che ha visto molti investitori acquistare la seconda casa in montagna sia per utilizzo proprio che per investimento. Gli acquirenti hanno una buona disponibilità di spesa (tra 350.000 e 400.000 euro) e provengono dall’Emilia Romagna, dal Veneto, dalla Lombardia, ma anche  dal Lazio e dalla Liguria.
La tipologia più ricercata è il trilocale. A Moena per una soluzione di nuova costruzione si possono spendere 6.000-7.000 euro al mq, mentre a Canazei le quotazioni oscillano tra 7.000 e 8.000 euro al mq. Particolarmente richieste le abitazioni costruite secondo criteri di ecocompatibilità (case in bioedilizia con pannelli solari, termoautonomi).

Trentino, Tecnocasa: lieve aumento per mercato immobiliare turistico ultima modifica: 2011-01-25T08:38:03+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: