Ubi Banca, adeguamento degli spread sui titoli perpetui

Il gruppo Ubi Banca ha reso noto lo scorso 22 dicembre che non procederà al rimborso degli strumenti innovativi di capitale ancora in circolazione riferiti alle tre emissioni contraddistinte dai codici ISIN XS0123998394, XS0108805564 e XS0131512450, per un importo nominale complessivo di 453,46 milioni di euro.

Il quadro normativo circa la composizione e qualità del patrimonio di vigilanza potrà infatti considerarsi pienamente delineato solo con il recepimento delle indicazioni di Basilea 3 nell’ambito della normativa nazionale, in seguito alle determinazioni degli organi comunitari e delle autorità regolamentari nazionali” precisa un comunicato dell’istituto di credito. In tale contesto, il gruppo ha ritenuto opportuno mantenere l’attuale composizione del patrimonio, “considerato che gli strumenti di nuova emissione presentano onerosità elevata cui non corrisponde, peraltro, la certezza della piena computabilità prospettica”.

In base alle indicazioni attualmente disponibili, gli strumenti innovativi in essere manterranno la computabilità nel patrimonio di base fino alla fine del 2012. Successivamente, venendo meno i presupposti patrimoniali alla base di tali emissioni, il gruppo valuterà l’opportunità di procedere al rimborso.

In considerazione delle attese del mercato e “poiché consentito dalla solida situazione finanziaria del gruppo, si è ritenuto di voler dar corso alla maggiorazione, a favore degli investitori, dello spread sul tasso di riferimento applicabile a decorrere dalle date sotto indicate (corrispondenti alle prossime date di esercizio dell’opzione per il rimborso anticipato)” conclude la nota. Tale spread sarà portato a +594 bps per tutte e tre le emissioni.

Ubi Banca, adeguamento degli spread sui titoli perpetui ultima modifica: 2010-12-27T09:22:55+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: