UBI Banca, approvato l’aumento di capitale

È questo quanto deliberato il primo giugno al termine delle sedute consiliari del gruppo UBI Banca. Le azioni avranno un prezzo di 3,808 euro ciascuna, di cui 1,308 euro a titolo di sovrapprezzo, per un controvalore massimo nominale pari a 656.452.360 euro e per un controvalore massimo complessivo (inclusivo del sovrapprezzo) pari a 999.908.234,75 euro. Le azioni di nuova emissione saranno offerte nel rapporto di 8 nuove azioni ogni 21 azioni possedute, e/o ogni 21 obbligazioni convertibili “UBI 2009/2013 convertibile con facoltà di rimborso in azioni” possedute. Il prezzo di sottoscrizione è stato determinato applicando uno sconto del 22,43% rispetto al prezzo teorico ex diritto (c.d. Theoretical Ex Right Price – TERP) delle azioni del gruppo, calcolato sulla base del prezzo ufficiale di Borsa della giornata odierna.

Il calendario dell’offerta prevede che il periodo di esercizio dei diritti di opzione abbia inizio il 6 giugno 2011 e si concluda il 24 giugno 2011 e che la negoziazione in borsa dei diritti di opzione relativi alle azioni abbia inizio il 6 giugno 2011 e si concluda il 17 giugno 2011. Entro il mese successivo alla scadenza del periodo di offerta, UBI Banca offrirà in Borsa gli eventuali diritti di opzione non esercitati, nel rispetto della normativa vigente.

L’aumento di capitale è garantito da un consorzio coordinato e diretto da Mediobanca – Banca di Credito Finanziario S.p.A. e Centrobanca – Banca di Credito Finanziario e Mobiliare S.p.A., quali Joint Global Coordinators, e da Morgan Stanley quale Co-Global Coordinator. Mediobanca – Banca di Credito Finanziario S.p.A., Morgan Stanley, Barclays Capital, BNP Paribas, Citi, Deutsche Bank AG London Branch e ING, quali Joint Bookrunners, unitamente agli altri membri del consorzio, si sono impegnati a sottoscrivere – a condizioni e termini usuali per tale tipologia di operazioni – le azioni rimaste eventualmente inoptate al termine dell’offerta in Borsa. Partecipano al consorzio in qualità di Co-Bookrunners: Crédit Agricole Corporate & Investment Bank, Equita S.I.M. S.p.A., HSBC, Intermonte, Natixis, Nomura, Société Générale Corporate & Investment Banking e The Royal Bank of Scotland.

Per effetto dell’aumento di capitale, lo strike price dei “Warrant azioni ordinarie UBI Banca 2009/2011” dovrà essere rettificato come previsto dall’art. 7 del relativo regolamento. Tale rettifica sarà comunicata non appena saranno disponibili tutti i parametri contenuti nella formula di cui al predetto articolo 7.

La Consob ha autorizzato la pubblicazione del prospetto informativo relativo all’offerta in opzione agli azionisti e ai portatori delle obbligazioni convertibili “UBI 2009/2013 convertibile con facoltà di rimborso in azioni” e all’ammissione alle negoziazioni delle azioni UBI Banca rivenienti dall’aumento di capitale. Il prospetto informativo sarà pubblicato ai sensi di legge e messo a disposizione del pubblico presso la sede sociale dell’istituto, nonché sul sito internet dell’istituto.

UBI Banca, approvato l’aumento di capitale ultima modifica: 2011-06-07T07:18:11+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: