Ubi banca, potenziato il modello di servizio alla clientela. Novità nel credito al consumo

Ubi Banca ha deciso di accelerare il processo di semplificazione, già in atto nel gruppo, e avviare una serie di operazioni finalizzate alla razionalizzazione del modello di servizio alla clientela. Nella trimestrale appena pubblicata sono infatti contenute una serie di iniziative interessanti in tema di credito al consumo.

 

Infatti, il comparto del credito al consumo sarà oggetto di un riordino, con una serie di azioni intraprese sulle linee di business di Banca 24/7:

  • cessazione di nuove erogazioni di prestiti finalizzati e di prestiti personali a clientela non captive, limitando l’attività alla sola gestione dello stock di finanziamenti in essere;
  • a partire dal mese di maggio 2011, trasferimento in capo alle Banche rete del Gruppo Ubi dell’attività di erogazione di mutui ipotecari a clientela non captive tramite la società di intermediazione By You, in ottica di acquisizione di nuova clientela, di più equilibrata gestione del funding e di controllo del rischio; non è previsto l’utilizzo di ulteriori società di mediazione creditizia;
  • distribuzione dei prestiti personali alla clientela captive da parte delle Banche rete;
  • specializzazione della società Prestitalia (100% Gruppo Ubi), debitamente rafforzata, nelle operazioni di finanziamento contro cessione del quinto. A tale società verranno inoltre trasferiti circa 3,3 miliardi di stock di finanziamenti contro cessione del quinto attualmente esistenti in Banca 24/7.

In relazione alla riorganizzazione delle attività, è stato avviato l’iter di fusione di Banca 24/7 in UBI Banca, che “comporterà la riallocazione in Ubi dello stock dei mutui, prestiti personali captive, prestiti personali e finalizzati extra captive attualmente in Banca 24/7, e il presidio da parte di Ubi del business delle carte di credito”.


Ubi banca, potenziato il modello di servizio alla clientela. Novità nel credito al consumo ultima modifica: 2011-11-16T17:12:48+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: