Unicredit: utile netto 3,1 mld nei primi 9 mesi del 2021

Unicredit LogoNel III trimestre del 2021 l’utile netto sottostante di Unicredit ha raggiunto 1,1 miliardi di euro, in rialzo dello 0,5% trimestre su trimestre, e 3,1 miliardi nei primi 9 mesi, equivalente a un RoTE sottostante del 7,9% nei nove mesi. Lo ha reso noto l’istituto bancario, precisando che la “continua robusta performance commerciale, che riflette i punti di forza e l’unicità della rete paneuropea, ha spinto i ricavi a 4,4 miliardi di euro nel terzo trimestre dell’anno”.

I risultati consolidati del gruppo al 30 settembre sono stati approvati lo scorso 27 ottobre 2021 dal consiglio di amministrazione. “L’ambizione della banca rimane quella di conseguire ritorni sostenibili superiori al costo del capitale lungo l’arco di un ciclo economico, ottimizzando la combinazione tra la crescita dei ricavi rettificati per il rischio, l’efficienza operativa e dell’efficientamento di capitale – si legge in un comunicato stampa di Unicredit -. Semplificazione, centralità del cliente e digitalizzazione restano le nostre tre linee guida. Il nuovo piano strategico sarà presentato in occasione del nostro Strategy Day virtuale il 9 dicembre 2021”.

Le commissioni hanno prodotto “un ottimo risultato nonostante il terzo trimestre risenta solitamente della stagionalità, il Nii6 ha a sua volta registrato un trimestre positivo”. I costi sono rimasti pressoché invariati su base annua, pari a 2,4 miliardi di euro nel terzo trimestre “grazie alla continua attenzione all’efficienza e alla rigorosa disciplina dei costi”, con un rapporto costi/ricavi del 55,2%. Il costo del rischio contabile si attesta a 27 punti base nel terzo trimestre, beneficiando di una migliore qualità dell’attivo e di un impatto limitato dal quadro normativo avverso.

La qualità dell’attivo è migliorata nonostante la pandemia covid-19, con il rapporto tra crediti deteriorati lordi e totale crediti lordi al 4,5%. Alla fine del trimestre, il Cet1 ratio fully loaded era pari al 15,5%, con il Cet1 MDA buffer fully loaded a 647 punti base4 . Il patrimonio netto tangibile attestatosi a 53,4 miliardi di euro è in aumento del 2% trimestre su trimestre, principalmente grazie all’utile netto”, prosegue la nota.

Sono lieto di annunciare un set di solidi risultati nel terzo trimestre, che riflettono la forza della nostra rete, le condizioni di mercato favorevoli, l’incremento dell’attività della clientela in tutte le linee di business ed una ripresa economica molto vivace, che si prevede moderarsi – ha commentato Andrea Orcel, amministratore delegato di UniCredit -. Continuiamo a sviluppare le nostre tre priorità – semplificazione, digitalizzazione e centralità del cliente – che saranno il fulcro del nuovo piano strategico di UniCredit, che sarà presentato il 9 dicembre 2021, e sosterranno il nostro impegno per la solidità, la stabilità e la crescita del Gruppo a lungo termine. Il profilo di liquidità e lo stato patrimoniale della banca restano eccellenti, e costituiscono una solida base da cui sviluppare il pieno potenziale della rete di UniCredit”.