Unicredit, utile netto di 669 milioni per il gruppo nel primo semestre 2010

Il dato è in flessione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, quando si erano registrati 937 milioni, a causa di un “contributo dei proventi da negoziazioni ai ricavi maggiore (di 318 milioni) e che non aveva registrato la componente non ricorrente negativa costituita da 162 milioni di svalutazione dell’avviamento” precisa una nota del gruppo. Il trend trimestrale riflette in maniera più marcata sia il rallentamento del contributo dei proventi da negoziazione ai ricavi (-502 milioni trim/trim) che l’impatto della svalutazione dell’avviamento, con l’utile netto che si riduce di 372 milioni a 148 milioni.

Margine di intermediazione
Il margine d’intermediazione è stato pari a 13.299 milioni, in flessione del 9,0% a/a a cambi e perimetro costanti, e a 6.493 milioni nel secondo trimestre 2010 (-4,6% trim/trim). “Sia la dinamica a/a che trim/trim riflettono la flessione del risultato netto di negoziazione, copertura e fair value, che ha risentito della crisi del mercato del debito sovrano, concentratasi nel secondo trimestre 2010” precisa il comunicato.

Interessi netti
Gli interessi netti si attestano a 7.895 milioni di euro nel primo semestre del 2010 (-16,5% a/a a cambi e perimetro costanti, riflettendo un contesto di tassi decisamente più sfavorevole). Gli interessi netti raggiungono 3.977 milioni nel secondo trimestre, in crescita di 60 milioni trim/trim (+1,5%), con contributo positivo della dinamica dei volumi (particolarmente in CEE e CIB in Germania) e di un giorno valuta in più compensato parzialmente dalla modesta flessione dello spread commerciale.

Commissioni nette
Le commissioni nette risultano pari a 4.379 milioni nei primi sei mesi del 2010, in marcata crescita (+15,5% a cambi e perimetro costanti) rispetto a 3.735 milioni del corrispondente periodo dell’anno precedente, confermando la buona ripresa delle attività di risparmio gestito ma anche un soddisfacente andamento delle altre voci commissionali. Le commissioni nette nel secondo trimestre 2010 si attestano a 2.209 milioni, +1,9% trim/trim nonostante le minori commissioni da negoziazione e collocamento titoli (-11,0% trim/trim come conseguenza del rallentamento dell’attività sui mercati), più che compensate dalle altre componenti delle commissioni da servizi di gestione e amministrazione del risparmio e dal +4,1% delle altre commissioni (spinte dal forte andamento delle commissioni da negoziazione valute e altri servizi). Al 30 giugno 2010 le masse della divisione di Asset Management del Gruppo risultano pari a €185,5 miliardi, in lieve crescita trim/trim.

Costi operativi
I costi operativi ammontano a 7.817 milioni di euro nel primo semestre del 2010, in crescita dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno a cambi e perimetro costanti, soprattutto per effetto del rilascio, nel primo semestre del 2009, di 119 milioni di accantonamenti per remunerazione variabile (contabilizzati nel 2008). Per quanto riguarda la dinamica trimestrale, i costi operativi nel secondo trimestre 2010 risultano pari a 3.939 milioni, maggiori dei 3.878 milioni del trimestre precedente (+61 milioni trim/trim, principalmente riconducibile a effetto cambi ed a componenti cicliche).

Accantonamenti
Gli accantonamenti per rischi e oneri aumentano rispetto al primo semestre 2009, raggiungendo 262 milioni nei primi sei mesi del 2010, di cui 106 milioni nel secondo trimestre (in flessione da 156 milioni del trimestre precedente).

Core Tier 1 ratio
Il Core Tier 1 ratio si attesta a fine giugno 2010 a 8,41%, con una riduzione trim/trim di 4 punti base, dovuta principalmente alla crescita di attivi ponderati per il rischio e all’accantonamento per dividendi, che hanno più che compensato il contributo positivo dell’utile di periodo. Gli attivi ponderati per il rischio mostrano nel secondo trimestre 2010 una crescita dello 0.7% trim/trim a 459 miliardi, riconducibile ad effetto cambi ma anche alla ripresa della crescita in alcune aree (CEE, soprattutto Turchia, CIB in Germania). Il Tier 1 ratio si attesta al 9,38% ed il Total Capital Ratio al 12,74%.

Unicredit, utile netto di 669 milioni per il gruppo nel primo semestre 2010 ultima modifica: 2010-08-06T07:30:00+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: