Unionfidi Piemonte S.C., sanzioni amministrative dalla Banca d’Italia

Unionfidi LogoLa Banca d’Italia ha stabilito di infliggere a Unionfidi Piemonte S.C., in liquidazione, la sanzione amministrativa pecuniaria di 180.000 euro.

Riportiamo di seguito il testo del provvedimento adottato dalla Banca d’Italia:

VISTO il d.lgs. 1° settembre 1993, n. 385 recante “Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia” (TUB) e successive modifiche e integrazioni;

VISTA la l. 28 dicembre 2005, n. 262, recante “Disposizioni per la tutela del risparmio e la disciplina dei mercati finanziari”;

VISTI lo Statuto della Banca d’Italia e, in particolare, gli artt. 22 e 23 che disciplinano le modalità di adozione dei provvedimenti del Direttorio;

VISTO il Provvedimento della Banca d’Italia del 18 dicembre 2012, recante “Disposizioni in materia di sanzioni e procedura sanzionatoria amministrativa”, modificato dal Provvedimento della Banca d’Italia del 3 maggio 2016;

CONSIDERATO che la Banca d’Italia ha accertato, nei confronti di Unionfidi Piemonte S.C., irregolarità consistenti in:
− carenze nell’organizzazione, nei controlli interni e nella gestione del rischio di credito con connessi riflessi patrimoniali (art. 107, 2° co. d.lgs. 385/93, nel testo applicabile ai sensi dell’art. 10, d.lgs. 141/2010, come modificato dall’art. 7 d. lgs. 218/2010 e dall’art. 5 d.lgs. 169/2012 e art. 108, 1° co, d.lgs. 385/93; Tit. III, Cap. 1, Tit. IV, Capp. 1, 2, 3, 4 e 5, e Tit. VII, Cap. 1, Circ. 288 “Disposizioni di Vigilanza per gli intermediari finanziari” del 03/04/2015; Parte I, Cap. VI, Istr. di Vig. Intermediari Elenco Speciale – Circ. 216/96);

CONSIDERATO che le suddette irregolarità sono state contestate a Unionfidi Piemonte S.C., nella persona del legale rappresentante pro-tempore, secondo le formalità previste dall’art. 145 TUB;

CONSIDERATI le deduzioni presentate nel corso dell’istruttoria e ogni altro elemento istruttorio;

VISTA la nota (omissis) con la quale il Servizio Coordinamento e Rapporti con l’Esterno della Vigilanza, secondo il principio della distinzione tra funzioni istruttorie e funzioni decisorie rispetto all’irrogazione della sanzione, fissato dall’art. 24 della l. n. 262/2005, ha proposto al Direttorio l’applicazione nei confronti di Unionfidi Piemonte S.C. in liquidazione di una sanzione amministrativa pecuniarie ex art. 144 TUB, trasmettendo i relativi atti;

VISTA la nota (omissis) con cui il Servizio Coordinamento e Rapporti con l’Esterno della Vigilanza ha trasmesso a Unionfidi Piemonte S.C. in liquidazione la proposta di sanzione e i relativi allegati;

VISTE le ulteriori osservazioni presentate da Unionfidi Piemonte S.C. in liquidazione in merito alla proposta del Servizio Coordinamento e Rapporti con l’Esterno della Vigilanza;

VISTO il parere dell’Avvocato Generale (omissis);

VISTA la delibera del Direttorio (omissis);

LA BANCA D’ITALIA

ESAMINATI gli atti del procedimento, considerate le ulteriori osservazioni presentate dalla società non idonee a superare la proposta del Servizio Coordinamento e Rapporti con l’Esterno della Vigilanza e ritenuti, quindi, sussistenti gli estremi per l’irrogazione della sanzione amministrativa pecuniaria, per le ragioni illustrate nella delibera (omissis);

DISPONE CHE
a Unionfidi Piemonte S.C. in liquidazione sia inflitta, ai sensi dell’art. 144 TUB, per le irregolarità sopra indicate, la sanzione amministrativa pecuniaria di  180.000 euro.

Unionfidi Piemonte S.C., sanzioni amministrative dalla Banca d’Italia ultima modifica: 2018-08-19T18:31:33+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: