Usura, la procura di Trani rinvia a giudizio 5 dirigenti American Express

CreditoSono stati rinviati a giudizio i 5 dirigenti e funzionari di American Express Services Europe Limited, accusati di aver spacciato negli anni scorsi denaro di plastica a tassi usurari nell’ambito del processo “Revolving”, istruito dal pm Michele Ruggiero e dal nucleo speciale della Guardia di Finanza di Bari.

Il Gup Francesco Messina, del Tribunale Penale di Trani, ha deciso il rinvio a giudizio ordinario per Di Febo Daniele e Peretti Melissa quali dirigenti area prodotti carte e area compliance di Amex e il rinvio a giudizio immediato per Del Borgo Giglio, Quarra Massimo e Fontana Francesco quali responsabili dal 2005 ad oggi di Amex. L’accusa è di truffa e usura per tutti gli imputati. Nel processo si erano costituiti parte civile l’Adusbef e l’Adusbef-Puglia.

La Procura di Trani aveva domandato il rinvio a giudizio per cinque dirigenti di American Express ipotizzando i reati di truffa e usura ai danni di alcuni cittadini della provincia di Barletta-Andria-Trani, in relazione all’elargizione di prestiti in danaro realizzati attraverso il rilascio di carte di credito del tipo “revolving”, sulle quali venivano applicati tassi di mora usurari.

L’inchiesta è partita nel 2008 a seguito della denuncia di un utente di Molfetta che, a fronte di un prestito di 2.600 euro, non avendo pagato una rata di 129,43 euro, si era visto recapitare una richiesta di 686,54 euro, cinque volte superiore alla rata non pagata e a un tasso di interesse moratorio ben superiore a quello soglia previsto dalla legge antiusura fissato al 25,23% per il trimestre di riferimento, che secondo le perizie sfiorava il 250%.

Usura, la procura di Trani rinvia a giudizio 5 dirigenti American Express ultima modifica: 2014-04-14T10:58:34+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: