Veneto Banca: rinnovata fino al 2014 l’adesione al Fondo nuovi nati

Grazie alla copertura del Fondo, i genitori o tutori di bambini nati, o adottati, tra il 2012 e il 2014 possono richiedere alle banche aderenti all’iniziativa un finanziamento per un massimo di 5.000 euro per ogni nuovo nato, rimborsabile in un periodo che può arrivare fino a 5 anni.

Le banche aderenti, anche grazie alla presenza della garanzia del Fondo, si sono impegnate a fornire tale credito a un tasso agevolato. E quella della Veneto Banca costituisce una delle soluzioni più convenienti, non contemplando spese di istruttoria ed essendo articolata con spread decrescente in funzione al numero dei figli.

“Con questa decisione il Gruppo Veneto Banca vuole dare un ulteriore segno concreto, in questo particolare momento, di impegno e vicinanza al territorio e alle famiglie – ha dichiarato il direttore mercato Cataldo Piccarreta -. Come recita lo slogan del Fondo vogliamo “dare fiducia alla famiglia”, con forza e concretezza. Contribuire a che i nostri clienti possano programmare e vivere l’arrivo di un figlio con la maggiore tranquillità possibile, con fiducia nel futuro, fa parte dell’imprinting fatto di etica e responsabilità sociale che da sempre muove l’azione di Veneto Banca e degli Istituti che ne fanno parte. Tra le altre iniziative attivate dal Gruppo a sostegno del territorio nelle quali si armonizzano mission industriale e responsabilità sociale vale la pena ricordare le iniziative ABI di sospensione del pagamento delle rate sui mutui per l’acquisto della prima casa, il finanziamento per la copertura delle 13/14sime mensilità e delle imposte, quello per l’anticipo della Cassa Integrazione Straordinaria e l’adesione  al Programma di microcredito in accordo con la Cei denominato “Prestito della Speranza” a supporto dei nuclei familiari in situazioni di vulnerabilità economica e sociale”.

Veneto Banca: rinnovata fino al 2014 l’adesione al Fondo nuovi nati ultima modifica: 2012-10-30T08:51:06+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: