ViViBanca: “Aa2” da parte delle agenzie Moody’s e DBRS relativi alla cartolarizzazione del portafoglio e crescita con un aumento del 25% degli impieghi

Vivibanca LogoMoody’s e DBRS hanno assegnato i rating definitivi della cartolarizzazione del portafoglio di prestiti contro cessione del quinto di ViViBanca – istituto nato dalla recente fusione tra Terfinance e Credito Salernitano – composti dai prodotti di Cessione del Quinto dello Stipendio, Cessione del Quinto della Pensione e Delegazioni di Pagamento.

Nello specifico, Moody’s ha assegnato il rating “Aa2”, mentre DBRS ha assegnato il rating “A (high)”, che ad oggi sono fra i più alti livelli di rating assegnati ai titoli senior di operazioni di cartolarizzazione partly paid su crediti contro Cessioni del Quinto dello Stipendio.

Il portafoglio, che ha un valore nominale complessivo di circa Euro 200 milioni alla fine dell’iniziale periodo di ramp-up (che terminerà a novembre 2017), rappresenta il sottostante delle due classi di titoli asset- backed emesse; i titoli di classe A (senior), pari all’87% dell’intero portafoglio, saranno quotati alla Borsa di Lussemburgo entro il mese di luglio.

ViViBanca, che è l’originator dei crediti, ha strutturato l’operazione con l’Arranger Natixis S.A., lo studio legale Allen & Overy, perfezionando la stessa tramite la società veicolo Eridano SPV S.r.l., gestita da Zenith Service S.p.A.

Dal punto di vista commerciale la crescita del core business di ViViBanca ha registrato nel primo semestre 2017 un aumento del 25% a/a, contro una crescita del mercato pari al 4,1% ed è stata conseguita sia grazie al potenziamento della rete, sia alla diversificazione dei canali di origination, grazie anche a nuovi accordi commerciali con istituti bancari come quello recentemente avviato con la Banca Popolare Valsabbina.

Principalmente, la crescita degli impieghi per finanziamenti alla clientela è da imputare a prestiti per CQS/CQP (Cessione del Quinto dello Stipendio / Cessione del Quinto della Pensione) ripartiti tra dipendenti privati (22%), pensionati (33%) e dipendenti pubblici (45%).

Tale crescita, in linea con la strategia della Banca, è accompagnata con l’avanzamento del processo di integrazione in ViViBanca S.p.A. dell’ex Credito Salernitano e il rafforzamento della propria presenza sul territorio attraverso “ViViBanca Network”, la rete agenziale in attività finanziaria del nuovo istituto, dove è stato avviato il rebranding dei punti di vendita in tutto il territorio nazionale.

Tutte le agenzie disporranno quindi di ulteriori prodotti e servizi che andranno ad aggiungersi all’offerta classica di servizi e prodotti di finanziamento che comprendono la cessione del quinto dello stipendio e della pensione, le deleghe di pagamento e i prestiti personali.

Inserendosi in un piano di sviluppo del proprio business e nell’ottica di rafforzare ulteriormente il legame con i clienti, nei prossimi mesi sono previste nuove aperture ampliando così la presenza fisica della rete ViViBanca Network sul territorio. Si prevede, entro la fine dell’anno, di raggiungere l’obiettivo di 100 agenzie sul territorio nazionale.

ViViBanca: “Aa2” da parte delle agenzie Moody’s e DBRS relativi alla cartolarizzazione del portafoglio e crescita con un aumento del 25% degli impieghi ultima modifica: 2017-08-02T00:14:30+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: