Vivibanca: aumento di capitale, concluso il periodo di opzione. Acquistate 11 mln di azioni ordinarie

Vivibanca LogoSi è concluso ieri il periodo per l’esercizio dei diritti di opzione relativi all’offerta di azioni ordinarie prive di valore nominale di Vivibanca di nuova emissione. Lo ha reso noto l’istituto, precisando che l’operazione ha riguardato 14.701.280 azioni derivanti dall’aumento di capitale scindibile deliberato dal consiglio di amministrazione lo scorso 15 febbraio 2021, “in parziale esecuzione della delega conferitagli ai sensi dell’art. 2443 del codice civile dall’assemblea straordinaria dei soci del 26 maggio 2020 nonché in via di precisazione di quanto già deliberato dal consiglio di amministrazione medesimo in data 28 settembre 2020 e 26 ottobre 2020”.

Durante il periodo di offerta in opzione, iniziato il 16 aprile e conclusosi il 29 aprile sono stati esercitati 26.855.559 diritti di opzione per la sottoscrizione di 11.676.330 azioni, pari al 79,42% del totale delle azioni offerte, per un controvalore pari a 11.676.330 euro.

Al termine del periodo di opzione risultano, pertanto, non esercitati n. 6.957.403 diritti di opzione che danno diritto alla sottoscrizione di 3.024.950 azioni, corrispondenti ad una percentuale pari al 20,58% del totale delle azioni offerte, per un controvalore di 3.024.950 euro.

Tali diritti inoptati potranno essere sottoscritti, in esercizio dei propri diritti di prelazione, pro quota dagli azionisti che ne abbiano fatto contestuale richiesta nell’atto di sottoscrizione, ai sensi dell’articolo 2441, comma 3, del codice civile, durante il periodo che decorrerà dal 30 aprile 2021 al 4 maggio 2021, estremi inclusi – spiega una nota di Vivibanca-. L’eventuale ammontare residuo che non è stato oggetto di esercizio del diritto di opzione e non sarà oggetto di prelazione da parte degli azionisti non sarà offerto ai terzi”.