Wm Capital: ottenuta autorizzazione dal Ministero della Salute per la commercializzazione del “Box della salute”

Wm Capital LogoWm Capital, società quotata su Aim Italia specializzata nel business format franchising che promuove la crescita delle imprese attraverso lo sviluppo di sistemi a rete in Italia e all’estero, ha reso noto di aver portato a termine, tramite la sua controllata Alexander Dr Fleming s.r.l., tutte le procedure autorizzative inerenti al “Box della salute”, presentato e comunicato al mercato lo scorso anno in data 6 luglio 2017. L’innovativo dispositivo è stato iscritto nell’apposito registro del Ministero della Salute e da oggi è pronto per essere commercializzato così da poter contribuire, in maniera importante, alla creazione della piattaforma per la farmacia dei servizi in seguito al d.d.l. “liberalizzazione”.

Il dispositivo autodiagnostico ha suscitato l’interesse del mercato europeo e di importanti gruppi multinazionali per la sua flessibilità: capacità di essere utilizzato in tutti gli spazi, facilmente trasportabile e dotato di una tecnologia modulabile in base alle disposizioni normative dei vari Paesi e ai luoghi di utilizzo come farmacie, parafarmacie, gdo o spa.

Il Box della salute è il frutto di mesi di analisi, ricerche e investimenti che la società è riuscita a sostenere, grazie anche al supporto di partner di primario standing che hanno condiviso con noi questo progetto – ha spiegato Fabio Pasquali, amministratore delegato di Wm Capital -. Dalla presentazione del luglio scorso siamo stati impegnati con i vari processi autorizzativi che, finalmente, sono stati portati a termine con la registrazione nel portale del Ministero della Salute e che ci rendono pronti alla commercializzazione del dispositivo a livello italiano ed europeo. I prossimi mesi saranno dedicati alla presentazione e pubblicizzazione del Box in cui avremo modo di spiegare le potenzialità dei vari mercati per portare avanti il piano di sviluppo per il futuro”.

Il Box della salute è un dispositivo multi-diagnostico e la sua unicità è testimoniata dalla complessa procedura autorizzativa che ha impegnato la società per quasi un anno, con coinvolgimento di diverse figure professionali. Oltre alla registrazione del brevetto per invenzione industriale e del marchio comunitario “Box della salute” presso l’Euipo, la vera sfida è stata la registrazione presso il Ministero della Salute. Si tratta, infatti, di una fattispecie del tutto nuova che ha richiesto un impegno notevole per sciogliere i dubbi a livello normativo non solo italiano ma soprattutto europeo.

Durante questi mesi sono state sviluppate nuove applicazioni del Box della salute anche per il settore della bellezza, che registra una fortissima espansione in questo momento e sta dimostrando diverse possibilità di integrazione con il mondo della salute. 

Wm Capital: ottenuta autorizzazione dal Ministero della Salute per la commercializzazione del “Box della salute” ultima modifica: 2018-06-07T13:19:32+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: